I paesi vicini.png

CARCOFORO

A 10 minuti da Rimasco, si trova il comune di Carcoforo (Kirchof in walser). Il paese, che si trova a un’altitudine di 1304 mt, fu fondato da coloni walser in Val d’Egua.  Si tratta di un vero gioiello incastonato tra le Alpi.  Sono conservate alcune case in legno attribuibili ad un periodo prossimo a quello della fondazione dell’insediamento. Tre edifici sono tuttora visibili; altri due presentano la parte lignea ammantata da un rivestimento in pietra.

Di particolare impatto è il campanile della chiesa parrocchiale di Santa Croce (1729), che si staglia sul profilo delle montagne. Nei pressi della chiesa vi è un arco di buona accoglienza.  Poco più in basso, verso l’imbocco per il fondovalle, la Chiesa del Gabbio Grande (1759), con affreschi dell’Orgiazzi e una statua della Madonna della Neve.

ALAGNA

Alagna (Im Land in walser), a circa 50 minuti da Rimasco, è un comune situato ai piedi del versante meridionale del massiccio del Monte Rosa. Il territorio di Alagna, anticamente utilizzato come alpeggio, venne colonizzato dai Walser nel XIII secolo.  

Di particolare interesse, oltre alle tipiche costruzioni walser, è la Chiesa di San Giovanni Battista (1511), caratterizzata da un entrata in stile gotico, da un pulpito in pietra ollare e da diverse opere attribuite a Giovanni d’Enrico.

In frazione Pedelegno si trova un edificio storico detto Il Castello, costruito agli inizi del XV secolo per volere del feudatario Francesco Barbavara, conte di Pietre Gemelle.

In frazione Ca’ Giacomolo si trova la Casa d’Henricis, che diede i natali a tre artisti, Melchiorre, Giovanni e Antonio d’Enrico (quest’ultimo detto Tanzio da Varallo, uno dei massimi esponenti della pittura seicentesca nell’Italia Settentrionale).

All’interno del territorio comunale è sita la famosa capanna Regina Margherita che, con i suoi 4554 m s.l.m., è il rifugio più alto d’Europa.  Alagna è inoltre una delle più importanti stazioni sciistiche piemontesi.

VARALLO

Il comune di Varallo sorge a circa 30 minuti d’auto da Rimasco. Riconosciuto come città e come città d’arte, sorge lungo le rive del Sesia e del Mastallone.

Ospita il complesso del Sacro Monte di Varallo, il più antico dei Sacri Monti, eretto a partire dal 1491 da Bernardino Caimi, frate Minore Osservante, già custode in Terra Santa. Dal 2003 è riconosciuto come Patrimonio UNESCO.

Oltre al Sacro Monte, di particolare importanza è la Chiesa della Madonna delle Grazie (che ospita la famosa Parete Gaudenziana), la Cappella della Madonna di Loreto, in cui operò Gaudenzio Ferrari, la parrocchiale di San Gaudenzio, le chiese di San Giacomo e di San Marco. La Pinacoteca Civica, presso Palazzo dei Musei, è la seconda del Piemonte ed è unita al museo di scienze naturali Calderini.

Da visitare sono inoltre le ville che si susseguono nel viale cittadino: Villa Durio, Villa Barbara e Villa Axerio (decorata in Marmo artificiale di Rima).

Durante la seconda settimana di luglio, Varallo ospita l’Alpàa, una manifestazione di 10 giorni che propone concerti e cabaret, attività, spazi espositivi e bancherelle.